Jealsa, capogruppo di Mare Aperto, diventa un nuovo membro di IPNLF

Jealsa, capogruppo di Mare Aperto, diventa un nuovo membro di IPNLF 800 360 Tonno Mare Aperto

Jealsa, capogruppo di Mare Aperto, diventa un nuovo membro di IPNLF

IPNLF dà il benvenuto al nuovo partner conserviero spagnolo

Il Gruppo Jealsa Rianxeira è il nuovo membro della International Pole & Line Foundation (IPNLF), l’associazione senza scopo di lucro impegnata a sviluppare e sostenere le catene di approvvigionamento e la pesca responsabile in cui i tonno vengono pescati a canna, uno alla volta.

L’impresa familiare spagnola Jealsa è stata fondata nel 1958, ed è specializzata nella fabbricazione e commercializzazione di pesce e frutti di mare in conserva.

Attualmente, il gruppo con sede a Boiro include 26 imprese in quattro aree di attività chiave: alimentazione, pesca e servizi, ambiente ed energia. Impiega circa 4.000 lavoratori.

Le marche di prodotti di mare in conserva del Gruppo includono RianxeiraEscurisMare Aperto e Robinson Crusoe.

Inoltre, fornisce prodotti per il rivenditore Mercadona, con il marchio Hacendado e gestisce anche delle tonniere nell’Atlantico.

Jealsa si rifornisce di tonno pescato in tutto il mondo con differenti tipologie e modalità di pesca. Per quanto riguarda i suoi prodotti con pescato a canna e in linea, l’oceano Atlantico è la fonte principale, ma si fornisce anche di tonno pescato dagli oceani indiani e del Pacifico. La sua specie principale è il bonito, seguito dallo Yellowfin.

“In Jealsa, ci impegniamo a favore della sostenibilità a lungo termine, non solo della pesca ma anche delle comunità dei pescatori. Le partnership con soci come IPNLF sono essenziali per noi, perché possiamo lavorare insieme per migliorare la gestione della pesca”, ha affermato Angeles Claro, direttrice della Sostenibilità in Jealsa.

Il gruppo dimostra ulteriormente il suo impegno per la sostenibilità delle risorse attraverso la creazione di una industria basata su una economia circolare all’interno dell’organizzazione, che valorizza i sottoprodotti generati dalle sue attività.

Martin Purves, direttore generale di IPNLF, ha espresso la sua soddisfazione per l’incorporazione di un nuovo partner spagnolo. A suo parere, il fatto che un gruppo di queste dimensioni e influenza lavori con l’organizzazione è un’indicazione molto incoraggiante del maggiore impegno del mercato europeo. “In un’epoca di pesca industriale su larga scala, è essenziale che le attività di pesca su piccola scala ottengano il maggior appoggio possibile in modo che abbiano l’opportunità di prosperare nelle catene di approvvigionamento attuali e future. Pertanto, è la speranza della nostra crescente appartenenza che molte più aziende si impegnino in un modo simile con il tonno sostenibile pescato a canna”.